Contenzioso e giurisprudenza

Lo stipendio in ritardo è giusta causa anche se il dipendente è socio in un’azienda di famiglia

di Alessia Raimondo e Uberto Percivalle

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Il lavoratore deve essere retribuito con regolare stipendio in una data ben precisa, stabilita dal contratto collettivo di lavoro applicato. Superato tale termine il lavoratore può legittimamente dimettersi per giusta causa, allorché il Ccnl lo preveda, a nulla rilevando il fatto di essere socio, fratello degli altri soci e a conoscenza delle difficoltà aziendali. E' quanto ha stabilito la Corte di appello di Milano (Presidente relatore Giovanni Casella) con la sentenza 1713/2017 , in riforma della sentenza 205/2015 del ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?