Contenzioso e giurisprudenza

Dipendente reintegrato, trasferimento all’estero solo per ragioni tecniche, produttive e organizzative

di Giulia Bifano e Uberto Percivalle

Il datore di lavoro può legittimamente adibire il dipendente licenziato e che abbia ottenuto un provvedimento di reintegra a nuove mansioni e presso nuove sedi laddove sussistano sufficienti ragioni tecniche, produttive e organizzative. In tal caso, il dipendente che non si presenti in servizio, può essere validamente licenziato anche laddove la sede di assegnazione sia all'estero, sussistano ostacoli nel raggiungerla e il lavoratore abbia mosso obiezioni all'assegnazione. Lo ha chiarito la Cassazione con la sentenza 9224/18 , ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?