Contenzioso e giurisprudenza

Omesse ritenute, annullata condanna se il datore si è attivato per proseguire l’attività

di Salvatore Servidio

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Va annullata la condanna per omesso versamento delle ritenute previdenziali e assistenziali se l'imprenditore si è attivato in tutti i modi possibili, anche accendendo mutui e ipoteche sui propri beni personali, per assicurare la prosecuzione dell'attività d'impresa. È quanto stabilito dalla Corte di cassazione con la sentenza 20725/2018. Premessa Si premette in linea generale che il debito dell’imprenditore verso il fisco è collegato all'obbligo di erogazione degli emolumenti ai dipendenti: ogni qualvolta il sostituto d'imposta, ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?