Diritto di critica e licenziamento: quando il lavoratore è giustificato
Contenzioso e giurisprudenza

Diritto di critica e licenziamento: quando il lavoratore è giustificato

di Alberto De Luca e Gabriele Scafati

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

La Sezione Lavoro della Corte di cassazione, con sentenza n. 11645/18 , ha avuto modo di tornare a pronunciarsi sulla relazione tra il diritto - costituzionalmente garantito - di critica e il dovere civilistico di fedeltà e lealtà nel rapporto del lavoratore subordinato nei confronti del proprio datore di lavoro. Nel caso di specie, una dipendente di una nota compagnia telefonica era stata licenziata per avere inviato diverse e-mail ai propri superiori, esponendo alcune rimostranze riguardo alla propria ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?