Contenzioso e giurisprudenza

Non c’è una «scriminante sindacale» per la critica al datore di lavoro

di Carlo Marinelli e Uberto Percivalle

L'esercizio del diritto di critica all'interno del rapporto di lavoro soggiace agli stessi limiti di quelli in generale previsti per la libera manifestazione del pensiero: la continenza formale (la critica deve avvenire in modo misurato e civile) e la continenza sostanziale (ossia la veridicità di quanto esposto, sia pure sotto parametro soggettivo - e realistico - della verità percepita e non di quella assoluta). Tali limiti devono essere opportunamente valutati anche laddove la critica sia avanzata nell'ambito di una ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?