Contenzioso e giurisprudenza

Reintegrazione se la lettera è sbagliata

di G.Falasca

Se la lettera di licenziamento descrive in maniera diversa da quella di contestazione disciplinare la condotta posta a base del recesso, si applica la reintegrazione sul posto di lavoro (oltre al risarcimento del danno entro le 12 mensilità), in quanto tale imprecisione non è un vizio meramente formale, ma fa venire meno i presupposti dell’atto. Così la Corte di cassazione, con la sentenza 21265/2018 depositata ieri, che ha definito la controversia sul licenziamento disciplinare intimato da un’azienda nei confronti ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?