Contenzioso e giurisprudenza

La condotta illecita consapevole vale il licenziamento

di Giulia Bifano e Massimiliano Biolchini

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Il fatto che la condotta illecita sia stata tenuta dal dipendente in esecuzione di un ordine impartito da un superiore gerarchico non vale a far venire meno la giusta causa di licenziamento, se il lavoratore era in grado di comprendere l'illegittimità dell'ordine ricevuto. Lo ha chiarito la Corte di cassazione con la sentenza 23600/2018, decidendo sul ricorso proposto da una società che si era vista condannata alla reintegra nel posto di lavoro di un dipendente che, licenziato per avere ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?