Contenzioso e giurisprudenza

Al portinaio l’onere di provare il mobbing in condominio

di Vincenzo Di Domenico

Il mobbing può verificarsi in tutti gli ambienti di lavoro e, dunque, anche nel condominio, nei confronti del portiere. Affinché il mobbing venga riconosciuto, è necessario provare l’esistenza di un disegno persecutorio da parte del datore di lavoro, mettendo in chiara correlazione gli accadimenti sul posto di lavoro con la volontà di vessare il dipendente. Nel caso del portiere, però, la condotta vessatoria potrebbe risultare più complessa, per il fatto che sul suo ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?