Contenzioso e giurisprudenza

Il risarcimento per licenziamento ingiustificato può essere limitato se non c'è colpa

di Carlo Marinelli e Uberto Percivalle

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Il risarcimento del danno spettante al lavoratore in caso di licenziamento ingiustificato, mediante corresponsione di una indennità commisurata alla retribuzione non percepita, costituisce una presunzione di lucro cessante che ammette la prova contraria, il cui presupposto, secondo il generale principio della responsabilità contrattuale, è l'imputabilità al datore di lavoro dell'inadempimento, fatta eccezione per la misura minima (prevista dalla legge) di cinque mensilità, che costituisce una sorta di penale avente la sua radice nel rischio di impresa. Ne consegue che ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?