Contenzioso e giurisprudenza

La proposta del part-time vale ad assolvere l’obbligo di repêchage

di Giulia Bifano e Massimiliano Biolchini

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Le norme che disciplinano la modifica dell'orario di lavoro da full-time a part-time, oggi contenute nel Jobs act, sono chiare: il rifiuto del dipendente di trasformare il proprio orario lavorativo da tempo pieno a tempo parziale, o viceversa, non può costituire giustificato motivo di licenziamento. Fermo restando tale divieto, la giurisprudenza negli anni è stata chiamata a interrogarsi sull'operatività di una simile disposizione nei casi in cui la proposta datoriale di modificare l'orario lavorativo del dipendente sia connessa al ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?