Contenzioso e giurisprudenza

L’onere di provare il licenziamento orale spetta al lavoratore

di Alberto De Luca e Raffaele Di Vuolo

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Torna di attualità il tema della ripartizione dell'onere della prova nell'impugnazione del licenziamento orale. Con sentenza 3822 in data 8 febbraio 2019, la Corte di cassazione ha infatti ribadito, confermando il proprio orientamento sul punto, che spetta sempre al lavoratore fornire la prova (evidentemente non sempre agevole) del licenziamento orale impugnato, per rifuggire così il rischio che la cessazione del rapporto venga imputata ad altre manifestazioni di volontà (dimissioni o risoluzione consensuale per fatti concludenti). ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?