Contenzioso e giurisprudenza

Nel recesso per motivi economici non basta che l’azienda dimostri la crisi

di Angelina Turco

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

La Cassazione, in tema di legittimità del licenziamento individuale per giustificato motivo oggettivo, abbraccia l’orientamento giurisprudenziale per cui il datore di lavoro non deve provare l’andamento economico negativo dell'azienda, ma le ragioni produttive e organizzative alla base della soppressione della posizione lavorativa.La Corte è stata chiamata a decidere sul ricorso di una lavoratrice contro la sentenza della Corte di appello che aveva confermato il licenziamento per giustificato motivo oggettivo, in quanto aveva ritenuto che sussistesse una crisi economica ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?