Contenzioso e giurisprudenza

Tra le alternative entrano in gioco mansioni inferiori

di Daniele Colombo

Il datore di lavoro, nell’assolvere l’obbligo del repêchage, deve tenere conto anche della presenza in azienda di posizioni professionali inferiori rispetto a quella ricoperta dal lavoratore licenziato o basta dimostrare che, al momento del recesso, non sussistevano mansioni equivalenti o simili nelle quali ricollocare il dipendente? Prima della modifica dell’articolo 2103 del Codice civile (avvenuta nel 2015) la giurisprudenza di legittimità limitava la prova dell’impossibilità di repêchage alle sole mansioni equivalenti, ammettendo l’assegnazione a mansioni inferiori solo in ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?