Contenzioso e giurisprudenza

La falsità delle firme non rende invalido il licenziamento se c’è la ratifica

di Roberta Di Vieto e Marco Di Liberto

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Il Tribunale del Lavoro di Roma si è pronunciato sulla legittimità di un licenziamento per giusta causa intimato a un lavoratore che, durante l'assenza dal lavoro per malattia, ha svolto diverse attività extra-lavorative, risultate non compatibili con la sua patologia.La sentenza 26 luglio 2019, n. 3888 in esame suscita interesse sotto diversi profili, poiché tratta molteplici aspetti giuridici, di natura processuale e sostanziale e tutti di particolare rilievo, e affronta un caso caratterizzato da una pluralità di ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?