Contenzioso e giurisprudenza

I criteri della Cassazione per il riconoscimento di un rapporto subordinato dei medici che lavorano in case si cura

di Angelina Turco

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

L'inserimento in turni lavorativi predisposti dalla clinica e la sottoposizione a direttive circa lo svolgimento dell'attività per la Corte di cassazione sono elementi per il riconoscimento di un rapporto di lavoro subordinato dei medici che lavorano in case si cura. La Corte di appello di Roma ha accolto la domanda di un medico nei confronti di una casa di cura, riconoscendo la natura subordinata del rapporto di lavoro intercorso tra le ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?