Contenzioso e giurisprudenza

Comporto, malattia da infortunio esclusa se provata la colpa del datore

di Angelina Turco

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Le assenze dovute per infortunio o malattia professionale sono computabili nel periodo di comporto, salvo accertamento della responsabilità del datore di lavoro ex art. 2087 del Codice civile; è il principio affermato dalla Cassazione con la sentenza 4 febbraio 2020, n. 2527 .Le assenze del lavoratore dovute a infortunio sul lavoro o a malattia professionale, in quanto riconducibili alla generale nozione di infortunio o malattia contenuta nell'articolo 2110 del Codice civile, sono normalmente computabili nel previsto periodo di conservazione ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?