Contenzioso e giurisprudenza

Responsabilità del datore per fatto illecito del dipendente ed autonomia risarcitoria del danno morale

di Flavia Maria Cannizzo

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

La sofferenza interiore patita dalla dipendente per fatti di molestia e violenza sessuale commessi dai suoi superiori gerarchici in occasione di lavoro deve essere risarcita dal datore di lavoro in via autonoma rispetto al risarcimento dovuto per il danno biologico sofferto (comprensivo della componente esistenziale), e alle relative personalizzazioni (seppur elevate).Il triste caso è quello di una lavoratrice dipendente di una nota compagnia di crociere marittime, che in occasione di lavoro a bordo di una nave da crociera si ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?