Contenzioso e giurisprudenza

Crediti contributivi dei datori, non è dovuta la rivalutazione monetaria

di Flavia Maria Cannizzo

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

La rivalutazione monetaria non costituisce un «accessorio naturale» del credito restitutorio vantato dal datore di lavoro che abbia versato contributi previdenziali e assistenziali in eccedenza rispetto al dovuto. La Corte di cassazione, con sentenza 12 marzo 2020 n. 7091, chiarisce così a quali condizioni l'Inps sia obbligata al versamento della rivalutazione monetaria, escludendo da tale casistica le restituzioni a favore dei datori di lavoro che vantino crediti contributivi. La pronuncia interviene a definire una lunga vicenda processuale che aveva ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?