Contenzioso e giurisprudenza

Reintegrazione se manca il motivo oggettivo di licenziamento

di Giuseppe Bulgarini d'Elci

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

La previsione dell'articolo 18, comma 7, della legge 300/1970, per la quale il giudice può disporre la reintegrazione (esclusivamente) nel caso in cui il fatto alla base del licenziamento sia manifestamente insussistente, si produce ogni qualvolta non ricorrono gli estremi del giustificato motivo oggettivo. In altri termini, se viene a mancare il nesso causale tra recesso datoriale e motivo addotto a suo fondamento si ricade nell'ambito della “manifesta insussistenza” del fatto, da cui discende la tutela reintegratoria attenuata (con ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?