Part-time a tempo determinato
Contratti di lavoro

Part-time a tempo determinato

di Josef Tschoell

LA DOMANDA Una lavoratrice dipendente madre di figlia convivente di 11 anni portatrice di handicap ha sin dal rientro dal congedo parentale richiesto e ottenuto la trasformazione del contratto in part-time. La trasformazione di orario è tuttavia a termine e viene puntualmente prorogata all'inizio dell'anno successivo. Può la lavoratrice in virtù del fatto che avendo già concesso la trasformazione il datore ha implicitamente riconosciuto sussistente l'utilità di una prestazione a tempo ridotto e in virtù della priorità della richiesta di trasformazione riconosciuta dalla legge ai genitori di figli con handicap pretendere che il datore tolga il termine rendendo definitivo il tempo parziale? Il CCNL applicato è Commercio e non c'è contratto aziendale.

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?