Contratti di lavoro

Causali sempre verificabili anche da parte del lavoratore

di Enzo De Fusco

Il cosiddetto decreto Dignità reintroduce l’obbligo di indicare il motivo di apposizione del termine al contratto di lavoro quando la durata eccede i 12 mesi con il primo o con successivi contratti. Le causali tipizzate riguardano: esigenze temporanee e oggettive, estranee all’ordinaria attività; esigenze sostitutive di altri lavoratori; esigenze connesse a incrementi temporanei, significativi e non programmabili dell’attività ordinaria. Il requisito essenziale e trasversale a tutte le causali è la loro oggettività. Si tratta di un requisito analizzato dalla ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?