Contratti di lavoro

Somministrazione dopo un contratto a termine

di Alberto Bosco

LA DOMANDA La legge di conversione del D.L.87/18 consente sino al 31 ottobre 2018 la possibilità di “rinnovare” precedenti rapporti di somministrazione a termine con la vecchia disciplina, che non prevedeva alcuna durata massima del contratto, né -diversamente dal contratto a tempo determinato con l’art.21 c.2 D.Lgs.81/15- una specifica disciplina dei rinnovi. E’ possibile dunque stipulare un contratto di somministrazione a termine, dopo la scadenza di un precedente rapporto a termine tra le medesime parti (Agenzia-Lavoratore-Utilizzatore), senza che vi sia il rischio che questo contratto possa essere inteso come nuovo contratto al quale applicare immediatamente la nuova disciplina? Ed in caso positivo, quale durata massima potrà essere applicata?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?