Contratti di lavoro

Lavoro intermittente computabilità

di Alberto Bosco

LA DOMANDA Un dipendente con contratto intermittente viene successivamente assunto con contratto a termine dopo il c.d. "decreto dignità". Ai fini del raggiungimento dei 24 mesi massimi di contratto a termine si computano i periodi di contratto intermittente? In caso affermativo vengono computati solo i giorni lavorati o l'intero periodo? (Es. se sono stati lavorati n. 180 gg nell'arco di 1 anno si considera l'anno o i 6 mesi?) Ringrazio e saluto

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?