Contratti di lavoro

Di Maio: «Il Dl dignità non si tocca» E chiede subito il salario minimo

di Giorgio Pogliotti e Claudio Tucci

Un secco “no” dal M5S. Mentre le parti sociali chiedono di aprire un confronto per avere un ruolo attivo nell’elaborazione della norma. Sono le reazioni alla proposta di legge della Lega per consentire alla contrattazione collettiva di introdurre specifiche causali aggiuntive ai contratti a termine, correggendo la stretta operata dal decreto dignità, cavallo di battaglia dei grillini. Che con il vicepremier Luigi Di Maio, ribadiscono «il decreto dignità non si tocca. Chi vuole ampliare la portata dei ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?