Previdenza e assistenza

Assente ingiustificato dal lavoro senza paga e senza contributi

di Gremigni Pietro

LA DOMANDA Nell’ipotesi di un lavoratore assente ingiustificato, per il quale il datore di lavoro decida di non procedere al licenziamento, il datore è, in ogni caso, obbligato alla denuncia e al versamento dei contributi previdenziali (quanto meno nel rispetto dei minimali contributivi Inps)? Inoltre, nel caso in cui esistesse tale obbligo, dovrà comunque procedere anche al versamento dei contributi dovuti da parte del dipendente assente (seppur ingiustificato)? Si potrebbe configurare, stante un'eventuale mancanza del datore di lavoro al versamento degli obblighi previdenziali, un reato rientrante nella fattispecie dell’omissione/evasione?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?