Previdenza e assistenza

Riconoscimento del lavoro in Stati extra Ue ai fini della maternità

di Pietro Gremigni

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Anche i periodi assicurativi maturati in Paesi extracomunitari convenzionati con l'Italia e regolarmente certificati sono da ritenersi utili ai fini del perfezionamento del requisito dei cinque anni richiesto per l'accredito della maternità al di fuori del rapporto di lavoro. L'Inps, con il messaggio 16 ottobre 2019, numero 3730 , a seguito del previsto parere ministeriale, ha così risolto la questione dell'equiparazione dei periodi di lavoro svolti in tali Stati esteri con quelli ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?