Welfare aziendale, così la sostituzione del premio con contributi alla previdenza complementare
Rapporto di lavoro

Welfare aziendale, così la sostituzione del premio con contributi alla previdenza complementare

di Cristian Valsiglio

Per quanto concerne la possibilità di sostituire i premi di risultato detassabili in versamenti a fondi di previdenza complementare, la disposizione normativa attualmente vigente dispone: da un lato che i predetti contributi oggetto di opzione da parte del lavoratore non concorrono a formare il reddito di lavoro dipendente anche oltre il limite massimo di deducibilità stabilito dal d.lgs. 252/2005 (euro 5.164,57); dall'altro che gli stessi non possono essere assoggettati all'imposta sostitutiva del 10%.Sotto l'aspetto operativo la disposizione ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?