Rapporto di lavoro

Obblighi del lavoratore: cambio di residenza

di Roberta Di Vieto e Di Liberto Marco

LA DOMANDA Sentenza 22295/17 del 25.09.2017, è veramente corretto sostenere che se il ccnl non prevede uno specifico obbligo di comunicazione in capo al lav., incombe sul datore effettuare tali verifiche? Non esiste un dovere di buona fede e correttezza che regola il rapporto di lavoro? Un dipendente ccnl pulizia multiservizi, al termine del congedo straordinario, non rientra in servizio e non avvisa il datore di lavoro. Vengono inviate n.2 contestazioni disciplinari all'indirizzo di residenza conosciuto, non ritirate per compiuta giacenza. Il licenziamento disciplinare viene impugnato per invio delle lettere disciplinari all'indirizzo sbagliato.Se il regolamento aziendale prevede tale obbligo, ha valore, oppure tale previsione deve essere nel ccnl ?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?