Rapporto di lavoro

Obbligo di retribuzioni tracciate anche per i richiedenti asilo

di Antonella Iacopini

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

È sanzionabile il datore di lavoro che corrisponde in contanti la retribuzione ai lavoratori richiedenti asilo in attesa della formalizzazione del permesso di soggiorno. Anche nel caso di occupazione di detti lavoratori, infatti, vige l'obbligo di corrispondere la retribuzione secondo le modalità tracciabili previste dall'articolo 1, comma 913, della Legge n. 205/2017. Questo il chiarimento fornito dall'Ispettorato Nazionale del lavoro con la nota protocollo n. 5293 del 5 giugno 2019, alla luce delle indicazioni fornite ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?