Rapporto di lavoro

Illecita la rilevazione delle presenze dei lavoratori con l’impronta digitale

di Pietro Gremigni

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

La registrazione dell'accesso dei lavoratori mediante la raccolta di un dato biometrico come l'impronta digitale è illegittima in quanto mancante della base giuridica richiesta dalla norma per giustificarlo. A tale fine è irrilevante il consenso prestato dai dipendenti stessi e che la registrazione dei dati non sia centralizzata. Così ha sancito il Garante della privacy con ordinanza del 14 gennaio 2021, pubblicata sulla news letter settimanale del Garante del 19 febbraio 2021. ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?