Contratti di lavoro

Durata massima contratto a termine e riassunzione

di Alberto Bosco

LA DOMANDA Il contratto a termine prevede, dopo il decreto dignità, una durata massima tra lo stesso datore di lavoro e lo stesso lavoratore di 24 mesi durante l'arco della vita lavorativa. Il caso che si pone è il seguente: rimanendo ad un interpretazione letterale della normativa, se il dipendente dopo un primo contratto di 6 mesi viene trasformato a tempo indeterminato e successivamente, dopo anni di contratto, per cause oggettive (es. motivi economici) viene licenziato, rimangono possibili nei periodi a venire contratti a termine per ulteriori 18 mesi magari per alcune sostituzioni in seno all'azienda stessa dalla quale è stato licenziato?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?