Contratti di lavoro

Rinnovo contratto a termine e periodo di “stacco”

di Alberto Bosco

LA DOMANDA A seguito di un iniziale contratto di lavoro a tempo determinato di durata pari a 12 mesi e di un rinnovo con contratto di lavoro a termine di 6 mesi con causale legata alla sostituzione di una lavoratrice in maternità, è possibile prevedere una proroga con causale legata alla necessità di sostituire una seconda lavoratrice in maternità nella stessa unità produttiva o è necessario che il dipendente termini il rapporto di lavoro, a fronte del rientro in servizio della prima lavoratrice sostituita, e venga riassunto con contratto a tempo determinato per ragioni sostitutive analoghe (legate all'assenza per maternità della seconda lavoratrice)? Nel caso di rinnovo, si dovrà fare ricorso allo stacco contrattuale (c.d.“stop&go”) di 20 giorni?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?