Contratti di lavoro

Congedo parentale e part time

di Josef Tschoell

LA DOMANDA Una lavoratrice dipendente ha chiesto all'azienda, in luogo del congedo parentale spettante (di 6 mesi), la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo parziale con una riduzione dell'orario di lavoro di 10 ore settimanali. Dopo 6 mesi il rapporto di lavoro è ritornato full-time. Oggi, la lavoratrice dipendente, nonostante i 6 mesi di lavoro part time, richiede di usufruire del congedo parentale residuo in quanto sostiene che, durante tale periodo e considerando la riduzione oraria di sole 10 ore settimanali, abbia usufruito solo di 33 giorni (calcolo effettuato considerando la frazione giornaliera delle due ore di riduzione ottenute con il part time). È possibile equiparare la trasformazione a tempo parziale con il congedo frazionato?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?