Rapporto di lavoro

Il riscatto della laurea per gli stranieri che lavorano in Italia

di Pietro Gremigni

LA DOMANDA Un dipendente residente in Italia, con nazionalità di uno Stato estero, che lavora presso l’Ambasciata di questo Stato estero, situata in territorio italiano, in virtù dell’articolo 19 della relativa Convenzione per evitare le doppie imposizioni versa le imposte nello Stato di cui ha la nazionalità e i redditi sono indicati come "redditi esenti", modello Cu, - casella 468 causale 4 – prevista per le retribuzioni corrisposte a dipendenti residenti nel territorio dello Stato da enti e organismi internazionali nonché da rappresentanze diplomatiche e consolari e missioni. Se questo lavoratore volesse riscattare la laurea, per non perdere la deducibilità fiscale che nello Stato estero non può dedurre, che cosa può fare? Le convenzioni si estendono al riscatto?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?