Agevolazioni e incentivi

Licenziamento per g.m.o. e benefici contributivi

di Marrucci Mauro

LA DOMANDA Un'azienda con più di 15 dipendenti licenzia un lavoratore "vecchio assunto" per g.m.o. rispettando la procedura art. 7 L. n. 604/66 così come modificato dalla L. n. 92/2012. In sede di conciliazione viene trovato l'accordo e il licenziamento si "trasforma" in risoluzione consensuale con diritto alla NASPI. Questo licenziamento, che di fatto nasce come g.m.o., impedisce all'azienda di ottenere i benefici contributivi per le nuove assunzioni nei 6 mesi a venire, ad esempio per assunzioni di lavoratore under 30, oppure per il fatto di essersi per così dire trasformato in risoluzione consensuale non impedisce all'azienda di ottenere gli sgravi previsti per tali assunzioni?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?