Contratti di lavoro

Start-up e contratto a tempo determinato

di Alberto Bosco

LA DOMANDA Una start-up innovativa avrebbe intenzione di assumere due lavoratori a tempo determinato per 6 mesi. Una volta terminati i suddetti contratti e trascorso all'incirca un mese, l'intenzione sarebbe quella di riassumere i medesimi lavoratori sempre a tempo determinato, per ulteriori dodici mesi. Trattandosi sostanzialmente di rinnovi, è comunque tenuta all'indicazione di una delle causali previste dal Decreto Dignità oppure, considerato lo status di "start-up innovativa", esiste una deroga a tale obbligo? Inoltre, le start-up innovative hanno dei benefici normativi in relazione alla stipula di contratti a tempo determinato?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?