Contratti di lavoro

Covid-19, lavoratori intermittenti

di Josef Tschoell

LA DOMANDA Nei periodi in cui non ne viene utilizzata la prestazione, il lavoratore intermittente non matura alcun trattamento economico e normativo, salvo che abbia garantito al datore di lavoro la propria disponibilità a rispondere alle chiamate, nel qual caso gli spetta l’indennità di disponibilità di cui all’articolo 16 (art. 13, co. 4, D.Lgs. 15.6.2015, n. 81). Tanto premesso ci si chiede se ai lavoratori intermittenti senza disponibilità alla risposta alle chiamate spetta o meno la tutela degli ammortizzatori sociali (FIS e CIG in deroga) e se si quali adempimenti si deve porre in essere (calcolo retribuzione, calcolo occupazioneale ecc.)?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?