Agevolazioni e incentivi

Dall’estero alla residenza in Italia: i vantaggi fiscali per chi avvia un’attività

di Antonio Longo, Michela Magnani

Per cinque anni spetta una riduzione al 30%dei redditi imponibili

Sono in aumento i lavoratori, italiani e non, provenienti dall’estero, che decidono di avviare in Italia un’attività di lavoro autonomo aprendo una partita Iva e beneficiando del regime fiscale di vantaggio per i cosiddetti lavoratori “impatriati”. L’articolo 16 del Dlgs 147/2015 riconosce un’agevolazione fiscale (e non contributiva) che consiste nell’applicazione della tassazione sul 30% del reddito prodotto in Italia (10% se la residenza viene spostata in una regione del ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?