Contenzioso e giurisprudenza

Violazione dei criteri di scelta: licenziamento collettivo (non nullo ma) annullabile

di Valeria Zeppilli

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

La Corte di cassazione (sentenza 9828/2021 ), nel confrontarsi con la questione dei licenziamenti collettivi, ha ricordato che, laddove vengano violati i criteri di scelta dei lavoratori, il recesso deve ritenersi annullabile e non nullo. Tale qualificazione ha dei notevoli risvolti pratici, che vengono in rilievo se solo si considera che l'azione per l'annullamento non può essere proposta da chiunque abbia interesse ad agire, in quanto la sua titolarità è esclusivamente di coloro vantano un interesse di diritto sostanziale. ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?