Contenzioso e giurisprudenza

Il licenziamento ritorsivo può essere nullo

di Valeria Zeppilli

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Il licenziamento ritorsivo, in alcuni casi, risulta nullo. Ciò avviene in particolare, secondo quanto rilevato dal Tribunale di Milano (sezione civile, settore lavoro, 18 novembre 2021, n. 2798) , quando la ritorsione, diretta o indiretta che sia e di per sé comunque illecita, sia l'unico motivo ad aver determinato il recesso datoriale. Ciò posto, occorre comprendere quando ci si trovi di fronte a un provvedimento espulsivo con natura ritorsiva. Chiaramente dipende ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?