Contratti di lavoro

Smart working, rimborsi spese non tassabili se basati su criteri analitici

di Angelo Zambelli

L’agenzia delle Entrate ritorna sul tema dei rimborsi delle spese sostenute dai dipendenti in smart working con la risposta a interpello n. 328/2021 dell’11 maggio , chiarendo come l’adozione di criteri forfetari di quantificazione del rimborso non consente di beneficiare dell’esclusione dalla formazione della base imponibile fiscale e contributiva, in assenza di apposita previsione di legge. Il caso analizzato dall’Agenzia riguarda un datore di lavoro interessato a concludere accordi individuali con il personale dipendente in smart ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?