Rapporto con gli enti

L’assegno unico per i figli discrimina i cittadini Ue con il requisito-residenza

di Enrico Traversa

In tema di prestazioni familiari, l’articolo 3.d) del recente schema di decreto legislativo prevede fra i «requisiti soggettivi del richiedente» dell’assegno unico per figli a carico, la residenza in Italia «da almeno due anni anche non continuativi», a meno che il genitore «sia titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata almeno semestrale». La condizione si aggiunge a un requisito di cittadinanza, cioè l’esigenza che il richiedente «sia cittadino italiano, ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?