Rapporto di lavoro

Regolarità contributiva a rischio se non si pagano le sanzioni

Se si sceglie di regolarizzare la posizione previdenziale omettendo il pagamento delle sanzioni, ancorché più corretta sul piano giuridico nelle situazioni in cui l’omissione non è dipesa da una condotta del datore di lavoro, si generano problematiche sotto il profilo dell’attestazione telematica della regolarità contributiva (Durc). Infatti, la verifica automatizzata fornisce un esito di regolarità laddove non siano rilevate evidenze di esposizioni debitorie, oltre che per i contributi, anche per le sanzioni civili. Quindi, in mancanza ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?