Rapporto di lavoro

Buoni pasto esclusi dalla retribuzione e dall’imponibilità

di Aldo Bottini e Diego Paciello

Così, dopo la Cassazione, anche un recente interpello dell’agenzia dell’Entrate

Tra i temi più affrontati in questi mesi di smart working c’è quello dei buoni pasto e dell’inerente trattamento fiscale e contributivo. Secondo quanto previsto dall’articolo 51, comma 2, lettera c) del Tuir, non concorrono a formare il reddito di lavoro dipendente le somministrazioni di vitto da parte del datore di lavoro - comprese quelle in mense organizzate direttamente dal datore di lavoro o gestite da ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?