Rapporto di lavoro

La beffa della residenza per i lavoratori all’estero bloccati dalla pandemia

di Angelo Cremonese

Rischiano di avere un risvolto tributario molto penalizzante gli effetti del Covid-19 per i contribuenti che hanno un contratto di lavoro dipendente all’estero ma hanno mantenuto la propria residenza in Italia. La normativa tributaria prevede un particolare trattamento - regolato dall’articolo 51, comma 8-bis, del Tuir - per i lavoratori dipendenti che prestano la propria opera all’estero, in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto. Il reddito è determinato, infatti, sulla base delle retribuzioni convenzionali definite annualmente ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?