Contenzioso e giurisprudenza

Licenziamenti economici, più chance per la reintegra: così gli effetti sulle cause

di Daniele Colombo

L’illegittimità del licenziamento per giustificato motivo oggettivo (cioè “economico”) per insussistenza del fatto posto a base del recesso comporterà la reintegrazione in servizio del lavoratore anche nell’ipotesi in cui l’accertata insussistenza sia «non manifesta». È questa, in sintesi, la conseguenza che deriva dalla sentenza 125 del 19 maggio 2022 con la quale la Consulta ha dichiarato incostituzionale l’articolo 18, settimo comma, secondo periodo, della legge 300/1970 (lo Statuto dei lavoratori), nella parte in cui la norma prevedeva ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?