Rapporto di lavoro

Si può accedere alla Cig per lavoratori residenti all’estero?

di Antonio Carlo Scacco

LA DOMANDA Un lavoratore di un’azienda italiana trasferisce la propria residenza in un altro paese della UE ma continua a lavorare per la stessa azienda in modalità Smart Working. L’azienda nel frattempo ha la necessità di utilizzare, per un breve periodo, la Cig (in deroga) per tutti i lavoratori in forza compreso il lavoratore residente all’estero. Per quest’ultimo l’Inps rifiuta il pagamento dell’integrazione salariale. È corretta l'interpretazione dell’Inps?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?