Contenzioso e giurisprudenza

Il datore non è tenuto a comunicare al lavoratore l’approssimarsi della fine del comporto

di Alberto De Luca e Lucio Portaro

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

La Sezione Lavoro della Corte di cassazione, con sentenza 17 agosto 2018, n. 20761 , è tornata ad occuparsi della fattispecie del licenziamento per superamento del periodo di comporto, confermando il proprio orientamento sui potenziali vizi formali che potrebbero inficiarne la validità.La pronuncia prende ovviamente le mosse dal giudizio d'impugnazione promosso da un lavoratore contro il licenziamento intimatogli per superamento del periodo di comporto, la cui legittimità era già stata confermata in entrambi i giudizi di merito.Tra le ragioni ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?