Contenzioso e giurisprudenza

Procedure collettive, vale la professionalità

di Carlo Marinelli e Uberto Percivalle

La Corte di cassazione, con sentenza 23347/2018, ha chiarito che l’individuazione dei lavoratori da collocare in mobilità nell’ambito dei licenziamenti collettivi deve essere condotta sulla base del concetto di professionalità equivalente. Quest’ultimo è nozione diversa e più articolata rispetto all’identità delle mansioni, ricomprendendo un complesso di attitudini, prerogative e potenzialità in grado di differenziare, ovvero di omologare qualitativamente, le professionalità rispetto alle mere differenze delle mansioni in concreto svolte. La Corte territoriale ha accolto il ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?