Previdenza e assistenza

Anagrafe e requisiti, senza banca dati si arenano i controlli

di Giorgio Pogliotti e Claudio Tucci

Sin dall’avvio del reddito di cittadinanza è emerso tra le principali criticità, il punto debole dei controlli. Sulle oltre 1,6 milioni di domande presentate, l’Inps ha potuto controllare puntualmente solo le voci oggetto di convenzioni con altre amministrazioni dello Stato, relative al possesso dei requisiti patrimoniali e reddituali, presenti nella banca dati dell’Agenzia delle entrate(Isee, patrimonio mobiliare, immobiliare, reddito familiare del richiedente). Per l’attestazione di tutti gli altri criteri d’accesso, è previsto un ampio ricorso all’autocertificazione, con controlli ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?